La tiroide

Ghiandola situata nel collo in posizione mediana davanti alla laringe ed alla trachea.
╚ costituita da tante piccole formazioni rotondeggianti (follicoli),ciascuna delle quali presenta una cavitÓ interna,piena di una sostanza detta colloide, e un involucro di cellule epiteliali che producono la colloide e secernono l'ormone tiroideo. La tiroide Ŕ uno degli organi pi¨ abbondantemente vascolarizzati. Essa secerne due tipi di ormoni: la tirocalcitonina che controlla il calcio nel sangue e le iodotironine, i cui effetti sono rivolti essenzialmente al controllo del metabolismo. 
Patologia
Le alterazioni funzionali della tiroide si riflettono inevitabilmente su tutto l'organismo, determinando varie condizioni patologiche.
La sindrome tireopriva(carenza di ormone tiroideo) si manifesta con edema dei tessuti, alterazioni psichiche se la tiroide viene soppressa in tenera etÓ, profonda apatia nell'etÓ adulta), diminuzione del ricambio organico e della temperatura, arresto della crescita, diminuita resistenza alle infezioni. Le sindromi da disfunzione tiroidea (distiroidismo) principali sono il cubinismo, a volte congenito, e il morbo di Flaiani-Basedow caratterizzato da aumento di volume della tiroide. Quando la tiroide diventa sede di processi infiammatori acuti o cronici (tiroidite) da ferite infette o nel corso di malattie infettive, la sintomatologia Ŕ costituita da febbre, tumefazione dolorosa alla regione anteriore del collo, disfagia, dispnea; la risoluzione spontanea Ŕ rara. I tumori della tiroide. oggi sfortunatamente in aumento, sono distinti in due varietÓ fondamentali: quelli  che derivano dall'epitelio follicolare della ghiandola e quelli derivati dalle parafollicolari. I tumori della tiroide si manifestano in genere con un nodulo. La aspirazione di alcune cellule del nodulo con ago sottile e con la guida dell'ecografia porta il paziente al chirurgo solo nei casi strettamente necessari. Il cardine dell'intervento terapeutico Ŕ l'asportazione chirurgica, integrata a volte dalla radioterapia.